Test di aggregazione piastrinica – test di Born

Il test misura la capacità delle piastrine, una volta aggregate, di disaggregare (comportamento normale). Un comportamento anomalo è caratterizzato da un insufficiente o mancato fenomeno di disaggregazione.

Il test di Born consente di studiare con metodo turbidimetrico la funzionalità piastrinica aggiungendo al plasma ricco di piastrine sostanze aggreganti quali l´ ADP.

Il test risulta alterato in presenza di alcune piasrtrinopatie:

  •  Tromboastenia di Glanzmann: caratterizzata da una diminuzione dell´ adesività piastrinica e dall´ allungamento del tempo di sanguinamento.
  • Sindromi di von Willebrand e di Bernard-Soulier: caratterizzate da una diminuzione di adesività piastrinica, da un allungamento del tempo di stillicidio e dalla presenza in circolo di piastrine giganti.
  • Storage pool disease: caratterizzata da un´ alterazione della reazione di liberazione per carenza di ADP del pool di deposito delle piastrine.
  • Aspirine like syndrome: caratterizzata da un´ alterazione del meccanismo di liberazione dell´ ADP di deposito (quantitativamente normale).

Il test è inoltre molto importante se il paziente sta assumento farmaci antiaggreganti o che hanno effetto sulla funziona piastrinica.